News:

Chiusa per motivi di sicurezza dopo il terremoto che colpì l’Aquila e l’Abruzzo nell’aprile del 2009, giovedì 8 dicembre 2016, Solennità dell’Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria, il Vescovo di Tivoli, S.E.Mons. Mauro Parmeggiani, riaprirà la chiesa di San Nicola di Bari in Roccagiovine.

La celebrazione è prevista per le ore 10,30 quando, nella Piazza centrale del piccolo paese della Valle dell’Aniene in provincia di Roma e Diocesi di Tivoli, il Parroco Don Mario Rogon ed il Sindaco Dott. Marco Bernardi insieme alla cittadinanza accoglieranno il Vescovo. Dopo i saluti del primo cittadino ci si recherà alle porte della chiesa resa nuovamente agibile che verrà riaperta al culto con una celebrazione della S.Messa presieduta dal Vescovo Parmeggiani che, al termine, data l’eccezionalità dell’evento, impartirà ai presenti la Benedizione Papale con annessa l’Indulgenza Plenaria per tutti coloro che si saranno confessati, comunicati ed avranno pregato secondo le intenzioni del Papa e per la Chiesa.

I lavori di ristrutturazione della chiesa, danneggiata durante l’evento sismico del 2009, sono stati sostenuti economicamente totalmente dalla Conferenza Episcopale Italiana e dalla Diocesi di Tivoli grazie ai contributi provenienti ogni anno dall’8 per mille del gettito IRPEF destinati alla Chiesa Cattolica. Progettati dall’Ingegner Evaristo Carrarini e dall’Arch. Mary Santoro, sono stati eseguiti dalla Ditta Picalarga di Campagnano Romano e seguiti dagli Uffici della Curia Vescovile di Tivoli.

Dopo il sisma del 2009 la piccola comunità di Roccagiovine - che conta 269 abitanti - per diversi anni è stata costretta a celebrare e riunirsi per la preghiera in un’aula messa cortesemente a disposizione dal Comune ma non certo adatta per la celebrazione delle esequie, dei matrimoni e degli altri sacramenti, né per conservare dignitosamente la SS.ma Eucaristia e favorire la preghiera durante le diverse ore del giorno. Le ultime Cresime, ad esempio, furono celebrate dal Vescovo in un giardino pubblico ed i funerali in una piccola chiesa privata in mezzo alla campagna. Non potendo godere di contributi pubblici, la determinazione del Vescovo ha tuttavia voluto restituire anche a questa comunità una chiesa parrocchiale nella quale si possa pregare, celebrare i sacramenti e soprattutto non far smarrire il senso di appartenenza a Cristo e alla Chiesa ai suoi abitanti anche se numericamente pochi.

Carissimi,

con grande gioia desidero annunciarvi che domenica 11 dicembre 2016, III del tempo di Avvento, Gaudete, avrò la gioia di ordinare Diacono permanente per la nostra Diocesi di Tivoli l'Accolito MAURIZIO SGARAMELLA della comunità parrocchiale del Sacro Cuore di Gesù in Guidonia.

La celebrazione avrà inizio alle ore 17,30 nella Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù in Guidonia (Piazza San Francesco d'Assisi, 3 - Guidonia). I sacerdoti e i diaconi riceveranno a suo tempo le opportune indicazioni per partecipare alla celebrazione da parte dell'Ufficio Liturgico Diocesano.

Fin d'ora invito tutti i fedeli a pregare per Maurizio, la sua famiglia ed il ministero che si appresta a compiere nella Chiesa. Vi esorto inoltre a mettere in agenda l'appuntamento per poter vivere, ancora una volta, un bel momento di Chiesa msieme.

Con un cordiale saluto e la benedizione del Signore

+ Mauro Parmeggiani

Vescovo di Tivoli

Carissimi,

mentre invio a tutti i sacerdoti e fedeli della Diocesi la Nota pastorale sull'Iniziazione cristiana nella Diocesi di Tivoli Cristiani non si nasce ma si diventa, sono fin d'ora ad invitare tutto il popolo di Dio alla sua presentazione e consegna ufficiale che avrà luogo presso il Santuario di N.S. di Fatima in San Vittorino Romano nel pomeriggio di Domenica 11 settembre p.v., dalle ore 15,30 alle ore 18,00.

Sarà con noi per illustrarci lo spirito che ad essa è sotteso Don Giorgio Bezze, dell'Ufficio Catechistico della Diocesi di Padova, che i sacerdoti della Diocesi hanno già avuto modo di conoscere durante un anno intero che abbiamo dedicato alla riflessione in vista degli orientamenti raccolti e presentati nella Nota che, con fiducia, consegno alla nostra Chiesa diocesana.

In quel pomeriggio, dopo un momento di preghiera e la relazione di Don Bezze, ascolteremo anche il Direttore del nostro Ufficio catechistico, Don Gianluca Zelli che già ha preparato durante l'anno i nostri catechisti ad accogliere la Nota la quale ha l'unica ambizione di proporre un cammino cristiano serio a quanti vengono battezzati, cresimati e comunicati, coinvolgendo i loro genitori e tutta la comunità cristiana fin dal momento della richiesta del Battesimo. Un coinvolgimento che continuerà anche dopo la celebrazione del sacramenti dell'Iniziazione che non sono il termine della vita cristiana ma delle tappe significative per affrontare con la consolazione e la presenza vivificante della Grazia di Dio che ci viene comunicata attraverso i sacramenti della Chiesa, tutta la vita cristiana. Vita di gioia, di comunità, di relazioni fraterne, di misericordia continuamente ricevuta e donata. Al termine dell'Incontro dell'H settembre io stesso consegnerò ufficialmente la Nota pastorale sulla quale lavoreremo insieme, aiutati dall'Ufficio catechistico, per la sua attuazione nelle nostre comunità affinché nel giro di tre anni si giunga a regime.

Attendo dunque tutti i sacerdoti, i catechisti, le consacrate e i consacrati, i diaconi permanenti, i fedeli laici delle nostre comunità cristiane - in particolare i componenti dei Consigli pastorali parrocchiali - i genitori, gli insegnanti di religione e quanti a vario titolo sono impegnati nella trasmissione della fede e nell' opera educativa dei nostri fanciulli e ragazzi.

Come già è stato nelle singole Vicarie in occasione degli incontri tra parroci e catechisti, anche questo appuntamento sarà sicuramente un bel momento per dare il "La" all'anno pastorale che ci attende.

In attesa di incontrarvi numerosi all'incontro dell' Il settembre (che per i sacerdoti sostituisce il classico primo giorno della formazione permanente del Clero che quest' anno si limiterà soltanto alla mattina di giovedì 15 settembre), colgo l'occasione per porgere a tutti un cordiale saluto

+ Mauro Parmeggiani

Vescovo di Tivoli

Carissimi,

anche quest’anno desidero farvi pervenire per tempo il Calendario diocesano per l’anno pastorale 2016-17.

Esso vi sarà utile per conoscere i momenti che la nostra Chiesa – a vari livelli e su più fronti – vivrà e celebrerà. A tal fine chiedo a tutti di voler prendere attenta nota degli appuntamenti che vi potranno interessare e a programmare quelli parrocchiali, personali o di comunità, associativi ecc. tenendo conto del Calendario diocesano medesimo.

L’anno pastorale 2016-17 si caratterizzerà perché fino a novembre continueremo a celebrare l’Anno Santo Straordinario della Misericordia. Mentre non finiamo di ringraziare il Signore e Papa Francesco per averci concesso un periodo così bello nel quale stiamo riscoprendo la Misericordia del Padre verso le sue creature, avremo ancora alcuni appuntamenti che ci attendono: il Giubileo dei malati e delle persone con disabilità, che celebreremo al Santuario di N.S.di Fatima in S.Vittorino Romano venerdì 7 ottobre 2016, Memoria liturgica della Beata Vergine del Rosario e quello dei Comunicati che celebreremo sabato 8. Sabato 22 ottobre, poi, ci recheremo tutti a Roma per il Pellegrinaggio Giubilare. Parteciperemo all’Udienza Giubilare di Papa Francesco, varcheremo la Porta Santa della Basilica di San Pietro e alle ore 15,30, celebreremo la S.Messa nella chiesa-santuario di S.Spirito in Sassia che, S.Giovanni Paolo II - del quale proprio in quel giorno ricorrerà la Memoria liturgica - volle dedicato alla Divina Misericordia. Nel pomeriggio del 13 novembre, infine, alle ore 17,00, in Cattedrale attendo tutti per concludere a livello Diocesano l’Anno Santo Straordinario della Misericordia ma anche la Visita Pastorale alle Parrocchie della nostra Diocesi.

In quella occasione consegnerò alla Diocesi una Lettera Pastorale a chiusura della Visita, nella quale, dopo aver incontrato ed ascoltato ogni comunità parrocchiale, indicherò alcuni “percorsi virtuosi” che mi pare urgente intraprendere insieme se desideriamo che la fiamma della fede non si spenga nel cuore dei credenti e giunga ad infiammare anche quella dei cosiddetti “lontani”. E’ necessario infatti porre veramente mano ad un’opera di nuova evangelizzazione per riempire i nostri cuori della gioia del Vangelo al fine di trasmetterla ai fratelli all’interno e all’esterno delle nostre comunità cristiane.

Insieme alla Lettera Pastorale che studieremo insieme con stile sinodale per tradurla in orientamenti pastorali concreti per la nostra Chiesa diocesana, farà da sfondo a tutto l’anno 2016-17 la lettura degli Atti degli Apostoli, il libro di Luca che ci presenta una Chiesa alla quale dovremmo continuamente aspirare, una Chiesa mossa dallo Spirito Santo e “in uscita”, senza timori o stanchezze nonostante i problemi che anch’essa viveva come viviamo noi, poiché sicura della presenza dello Spirito Santo lungo i sentieri della storia per i quali è chiamata a camminare. Gli Atti faranno da guida agli incontri di formazione permanente del Clero, alla Scuola di preghiera diocesana che – aperta a tutti – è specialmente rivolta ai giovani e alla quale dobbiamo fare ogni sforzo per invitare i giovani delle nostre comunità a partecipare così come pure a tutti gli altri appuntamenti diocesani non per moltiplicare gli impegni ma per crescere in quello spirito di diocesanità che più respiriamo più sentiamo che ci fa bene e ci rende felici.

Seguici su Facebook
Seguici su YouTube
Feed RSS

Questo sito utilizza cookies per migliorare le prestazioni di visualizzazione... To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information