1° incontro – Giovedì 4 maggio 2017 – ore 18.00

Il “Magistero della Carità” con riferimento all’Evangelii Gaudium

Relatore: P. Vincenzo Battaglia OFM – Pontifica Università Antonianum

 

2° incontro – Giovedì 11 maggio 2017 – ore 18.00

L’evangelizzazione obbedisce al mandato missionario di Gesù (EG 19) (La trasformazione missionaria della Chiesa)

Relatore: P. Silvano Porta OMV

 

3° incontro – Giovedì 18 maggio 2017 – ore 18.00

L’annuncio del Vangelo (Tutto il popolo di Dio annuncia il Vangelo – EG 111)

Relatore: Don Gianluca Zelli – Direttore Ufficio Catechistico

 

4° incontro – Giovedì 25 maggio 2017 – ore 18.00

La dimensione sociale dell’evangelizzazione (EG 177)

Relatore:Prof. Mirko Campoli – Direttore Ufficio Scuola Diocesi di Tivoli

 

5° incontro – Mercoledì 1° giugno 2017 – ore 18.00

Cos’è la Caritas (Organismo pastorale)? Come costituirla? – Le “Opere segno” e la loro gestione.

Relatore: Virgilio Fantini – Direttore Caritas diocesana

 

6° incontro – Giovedì 8 giugno 2017 – ore 18.00

L’animatore Caritas e l’arte della relazione: elementi umani per un servizio reale alla persona

Relatore: Dott. Giulio Contini – Counselling Psicoterapeuta

 

7° incontro – Giovedì 15 giugno 2017 – ore 18.00

L’ascolto e l’accoglienza dei poveri nella pastorale parrocchiale

Relatore: Don Andrea Massalongo – Parroco di San Giuseppe Artigiano, Villanova di Guidonia

 

Sede del Seminario: Centro Pastorale Parrocchia San Silvestro Papa – Villa Adriana

Carissimi,

in questo tempo dove purtroppo i poveri sono sempre in maggior numero e sempre meno sono gli aiuti alimentari e di prodotti sanitari e per l'igiene provenienti dalle istituzioni, siamo fortemente invitati, come ci ricorda spesso Papa Francesco, a "Non aver paura della solidarietà". A tal fine, come da programma pastorale e continuando una bella usanza iniziata due anni or sono, in accordo con la Caritas Diocesana, indìco per tutta la Diocesi una COLLETTA ALIMENTARE che avrà luogo sabato 17 dicembre 2016 alla quale chiedo di far partecipare specialmente in giovani, i ragazzi del catechismo per la Cresima insieme ai loro genitori e tutti coloro che lo vorranno sapendo che, come ci ricorda il Vangelo saremo giudicati sulla carità compiuta verso il nostro prossimo.

Vi esorto pertanto a domandare a tutti i ragazzi e giovani delle parrocchie - dai cresimandi o cresimati in su - di rendersi disponibili nella giornata di sabato 17 dicembre a realizzare una colletta alimentare secondo quanto sarà disposto dalla Caritas Diocesana.

I partecipanti, segnalati da una apposita scheda, se minorenni dovranno avere il permesso dei genitori ed essere accompagnati da alcuni genitori o dai loro catechisti. A gruppi e secondo turni prestabiliti, essi andranno davanti ai centri commerciali o ai negozi delle zone loro assegnate (nei piccoli paesi davanti ai negozi di generi alimentari, farmacie, profumerie, ecc. nelle città davanti ai vari centri commerciali, ecc.) per chiedere a chi entrerà nei negozi di acquistare uno o più prodotti per i poveri (latte UHT, pasta di grano duro, riso. Biscotti, zucchero, pomodori pelati, olio di oliva, tonno, legumi in scatola, pannolini, omogeneizzati, detersivi, saponette …) secondo un elenco che verrà sempre messo a disposizione dalla Caritas Diocesana. I partecipanti alla colletta indosseranno un fratino di riconoscimento che la Caritas farà avere nelle singole parrocchie che lo richiederanno. Tutto sarà raccolto in appositi contenitori che saranno stoccati in alcuni luoghi comuni e nei giorni successivi il frutto della colletta verrà distribuito alle parrocchie per le necessità degli indigenti del proprio territorio.

Il momento andrà preparato tramite una opportuna catechesi ed un momento di preghiera che si svolgerà previamente al 17 dicembre. Durante le S.Messe di domenica 19 dicembre i ragazzi e giovani che avranno partecipato all'Iniziativa potranno portare alcuni prodotti raccolti al momento della presentazione dei doni e raccontare ai fedeli quanto è stato fatto.

Ideale sarebbe che in ogni parrocchia uno o più laici adulti, caso mai i responsabili delle Caritas parrocchiali, i Vicari parrocchiali, i diaconi, le religiose, i seminaristi, i catechisti … si prendessero, in accordo con i Parroci, la responsabilità del coordinamento dell’iniziativa.

A livello diocesano il coordinamento dell'iniziativa è affidato al Direttore della Caritas Diocesana, Sig. Virgilio Fantini.

A questa mia unisco una lettera che fotocopiata, recante la firma e il timbro della singola parrocchia, ogni Parroco dovrà fare avere entro il 7 dicembre ad ogni esercizio commerciale presso il quale si vorrà realizzare la raccolta ed una scheda da consegnare quanto prima alla Caritas Diocesana per organizzare la colletta. I Parroci sono pregati poi di segnalare alla Caritas gli esercizi commerciali che si saranno resi disponibili.

Sono certo che questa iniziativa vedrà la partecipazione attiva di molti, aiuterà a vivere la vita cristiana con attenzione all'altro e a prolungare quel bello spirito di carità al quale ci ha allenato l'Anno della Misericordia che si va a concludere. Inoltre essa permetterà di creare altre iniziative anche durante le vacanze di Natale (ad esempio, perché non chiedere ai ragazzi e ai giovani che siano loro stessi a portare i pacchi viveri o gli altri generi di prima necessità nelle case di poveri ed anziani? Una visita insieme a un aiuto concreto faranno bene non solo a chi riceverà ma anche a chi avrà dato un po' di tempo per i fratelli e quindi per il Signore).

Auspico un'ampia partecipazione giovanile e di tutti i cristiani in genere e fin d'ora accompagno lo sperato buon esito dell’iniziativa con la preghiera mentre a tutti porgo un cordiale saluto

+ Mauro Parmeggiani

Vescovo di Tivoli

Martedì 02 Dicembre 2014 11:54

Colletta alimentare

- CARITAS DIOCESANA -

Carissimi,

          nell’anno dedicato alla trasmissione della fede alle giovani generazioni, come sapete ho sottolineato l’importanza di coniugare trasmissione della fede e carità affinchè i nostri giovani, fin dall’età del catechismo, comprendano come fede e vita devono camminare insieme. Tra l’altro, in un mondo dove prevale la logica dell’egoismo, aiutarli ad avere attenzione all’altro – che è fratello in quanto come noi immagine di Dio – soprattutto se povero, lo reputo altamente educativo.

          A tal fine, in accordo con la Caritas Diocesana, accogliendo un’idea avanzata dai Parroci della I e della III Vicaria, indìco per tutta la Diocesi una COLLETTA ALIMENTARE che avrà luogo sabato 13 dicembre 2014.

Casa di prima accoglienza per donne in difficoltà sole o con minori

La “Casa di prima accoglienza per donne in difficoltà” vuole offrire alle donne un cammino di riavvicinamento con se stesse, un’occasione per confrontarsi proprio quando è smarrito il senso profondo della vita e la sua sacralità. Le ospiti vengono accolte e orientate verso una rilettura delle reali esigenze per valorizzare le sue doti affettive, emotive e relazionali. Accoglienza non significa solamente dare un tetto a donne sole o con minori, ma si cerca di offrire sostegno e la possibilità di riprendere in mano la propria vita per cominciare a badare a se stesse; educate alla progettualità e all’autonomia.

FEED CHIESA CATTOLICA

Seguici su Facebook
Seguici su YouTube
Feed RSS

Questo sito utilizza cookies per migliorare le prestazioni di visualizzazione... To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information