News:
Lunedì 31 Luglio 2017 14:14

Comunicato stampa

Il nostro Vescovo nominato Amministratore Apostolico della Diocesi Suburbicaria di Palestrina 

 In data odierna il Santo Padre, a seguito dell’accettazione delle dimissioni per raggiunti limiti di età, del Vescovo di Palestrina, S.E.Mons. Domenico Sigalini, ha nominato Amministratore Apostolico della Chiesa diocesana di Palestrina il nostro S.E.Mons. Mauro Parmeggiani, conferendogli tutti i diritti, le facoltà e gli oneri che competono ai Vescovi diocesani, a norma dei sacri canoni.

A darne l’annuncio, alle ore 12,00, presso la Curia Vescovile di Tivoli, in contemporanea con la Sala Stampa Vaticana e con il Vescovo emerito di Palestrina è stato lo stesso Mons. Parmeggiani davanti al Vicario Generale, agli Officiali e Addetti della Curia Vescovile Tiburtina, il Collegio dei Consultori, il Consiglio per gli Affari Economici della Diocesi, alcune Religiose e altri fedeli.

Mons. Parmeggiani - che rimane innanzitutto Vescovo di Tivoli anche durante lo svolgimento del servizio di Amministratore Apostolico di Palestrina – ha ricordato l’incarico di Amministratore Apostolico durerà per un tempo che non conosce e che comunque andrà fino a quando il Papa nominerà un nuovo Vescovo per la Sede di Palestrina e ne prenderà possesso canonico.

Senza nascondere la sorpresa per tale ufficio affidatogli improvvisamente mentre stava trascorrendo un periodo di riposo estivo dal quale è rientrato immediatamente, ha comunque dichiarato che la vicinanza e la conoscenza dei luoghi e di molte persone faciliterà questo suo duplice servizio episcopale.

Insieme a tanta preghiera per lo svolgimento del nuovo ministero che lo chiama ad allargare la sua paternità episcopale, egli ha chiesto ai presenti e - tramite loro - a tutti i sacerdoti, consacrati e consacrate, fedeli laici della Diocesi Tiburtina un po’ di pazienza se dovrà concedere parte del suo tempo – da ora in poi – anche per la Chiesa sorella confinante con la Diocesi di Tivoli.

Il nostro Vescovo ha anche confidato di sentirsi sorretto, in questo nuovo servizio, dalla fiducia nel Signore e dall’affetto della Chiesa Tiburtina che ama e dalla quale si sente fortemente ri-amato.

Come è riuscito ad essere in Curia e presente nella Diocesi durante gli anni della impegnativa Visita Pastorale conclusasi nello scorso mese di novembre, Mons. Parmeggiani auspica di riuscire ad essere presente con altrettanta costanza durante questo servizio richiestogli dalla Santa Sede e che ha affidato all’intercessione della Madonna di Quintiliolo - venerata a Palestrina con il titolo di Madonna del Buon Consiglio -, dei Santi Lorenzo e Agapito, rispettivamente patroni di Tivoli e di Palestrina, e a tutti i Santi e le Sante delle due Chiese. 

Mons. Parmeggiani ha confermato che il programma pastorale 2017-18, già pubblicato, non subirà variazioni. Venerdì sera – come previsto - sarà ad Arsoli per pregare con i malati e volontari dell’UNITALSI diocesana, sabato mattina a Vivaro Romano per la Festa della Madonna Illuminata e, alle 18,00, in Cattedrale così come domenica 6 agosto, alle 6,00, per le Sante Messe di saluto all’Icona della Madonna di Quintiliolo che tornerà al suo Santuario e alle 11,00 ad Affile per la festa della Madonna del Giglio. Il 10 agosto, poi, come ogni anno, alle ore 18,00 presiederà in Cattedrale la S.Messa in onore del Patrono – San Lorenzo – e guiderà la  Processione con l’insigne Reliquia del Martire per le vie della Città.    

Mons. Benedetto Serafini, Vicario Generale, e tutti i presenti hanno assicurato la loro affettuosa vicinanza al Vescovo Mauro e la collaborazione ancora più intensa con lui in questo periodo durante il quale rivolgerà le sue cure pastorali anche alla Chiesa Prenestina.

Carissimi,

anche quest’anno sono lieto di farvi pervenire il Calendario diocesano per il prossimo anno pastorale 2017-18.

Potrete direttamente leggere gli appuntamenti e così prendere nota, fin da subito, degli impegni che vi riguarderanno personalmente, comunitariamente o come categorie di fedeli (clero, comunità diaconale, religiose, religiosi, giovani, malati, poveri, immigrati, ecc.). Chiedo in particolare ai Parroci di prender nota degli appuntamenti e di far conoscere fin d’ora il Calendario ai propri parrocchiani e fedeli.

Come sapete in questo anno ci guiderà il Vangelo di Giovanni e rifletteremo insieme sull’arte del discernimento pastorale e personale per una più efficace trasmissione della gioia del Vangelo oggi.

Avremo vari appuntamenti importanti: oltre agli incontri mensili di formazione permanente del Clero, quest’anno desidero che in ogni Vicaria, mensilmente, si rifletta sul rinnovamento del Clero seguendo il Sussidio “Lievito di fraternità” che sarà donato a tutti i sacerdoti affinchè possano su di esso riflettere in vista della due-giorni conclusiva del cammino annuale dove con i presbiteri e diaconi della Diocesi ci troveremo alla Fraterna Domus di Sacrofano il 7 e l’8 giugno per verificare insieme cosa sia necessario cambiare o rafforzare affinchè il nostro presbiterio sia all’altezza del compito di annunciare il Vangelo nel mondo attuale.

Un altro appuntamento che mi preme segnalare è quello del Convegno diocesano che avrà luogo nel pomeriggio di domenica 26 novembre, Festa di Cristo Re, a partire dalle ore 15,30, al Grand Hotel Duca D’Este a Tivoli Terme. Il Convegno, sul tema: “Chiamati a costruire una Chiesa che ascolta, discerne e agisce” sarà aperto da una Relazione del Cardinale Ennio Antonelli, Arcivescovo emerito di Firenze. Ad essa, i partecipanti - che per ragioni di spazio saranno inviati quali delegati dalle Parrocchie, comunità religiose, aggregazioni laicali, Uffici e Commissioni diocesane secondo numeri che saranno fatti conoscere al più presto – saranno invitati a svolgere un approfondimento per aree di interesse pastorale condotto con stile sinodale affinchè dal nostro Convegno possano uscire stimoli preziosi per tutti per “fare dei credenti” nelle nostre terre.

Meritevole di attenzione, infine, è il lavoro che svolgerà il Servizio diocesano per la pastorale giovanile. In particolare la Scuola diocesana per formatori di giovani che vedrà il coinvolgimento – quali docenti – di molti dei nostri giovani sacerdoti che, con tanta dedizione, servono Dio e il popolo loro affidato e che stanno particolarmente a cuore a tutti noi. Sarà anche interessante prepararsi al Cammino sulle orme della santità locale che, insieme a tutti i giovani delle Diocesi d’Italia, ci condurrà a Roma, nell’agosto 2018, per preparaci a seguire la celebrazione del Sinodo dei Vescovi su “I giovani, la fede e il discernimento vocazionale” convocato da Papa Francesco per l’ottobre 2018.

Il presente Calendario, in formato digitale, sarà sempre possibile correggerlo, integrarlo con altre iniziative ed eventi che ad oggi non sono stati ancora segnalati. A tutti sarò grato dei contributi che vorrete fornire.

Questo strumento serva alle comunità parrocchiali, religiose, alle aggregazioni laicali e alle Confraternite per programmare le loro attività pastorali per le quali, fin d’ora, auguro ogni bene implorando dal Signore la Sua benedizione.

+ Mauro Parmeggiani

Vescovo di Tivoli

"La testimonianza delle Confraternite oggi"

Quale contributo nella Chiesa e nella società

Gerano, 8 ottobre 2017

Quando si parla di un "Monastero" si ha abbastanza chiara l'idea che esso sia un "luogo" ove anime consacrate vivono insieme per cercare Dio e per innalzare ogni giorno a Lui le loro mani e i loro cuori per pregare per sé e per il mondo.

Spesso, purtroppo, dimentichiamo però che tutti - Vescovi, preti, suore, fedeli laici -, grazie al battesimo, siamo consacrati!

Sì siamo stati riempiti dallo Spirito Santo, dono del Risorto, per vivere per Dio e con Dio al fine di illuminare il mondo con la nostra preghiera e la nostra testimonianza di vita. Siamo stati posti nella possibilità di rel azionarci con il Padre attraverso la preghiera che può assumere varie forme: ringraziamento, richiesta, lode, supplica, lamento... che può essere spontanea o seguire le forme tradizionali proposte dalla Chiesa (Rosario, Liturgia delle Ore, Via Crucis, Coroncina della Divina Misericordia, ecc.) affinché rimaniamo sempre uniti con Colui che ci ha donato la vita e chiama tutti a viverla per Lui, con Lui e in Lui.

Nel consegnarvi queste schede mensili preparate dall'Ufficio diocesano per la pastorale vocazionale, e che sono scaricabili anche dal sito della Diocesi di Tivoli, invito tutti ad unirvi in un "Monastero invisibile".

Un Monastero non fatto di mura o posto in un luogo ben preciso ma fatto di tante anime battezzate che quotidianamente, nella nostra Diocesi, si assumano l'impegno della preghiera.

A questo "Monastero invisibile" consegno una priorità nella preghiera che è fondamentale e necessaria oggi più che mai per la vita della Chiesa e per il mondo: pregare per le vocazioni! Vocazione: una parola un po' fuori uso che dice chiamata da parte di Dio a vivere la vita secondo quanto la Sua volontà ispira al nostro cuore.

Le dodici schede che vi sono proposte - una al mese - sono dunque semplici proposte di preghiera, in particolare quella antica e sempre bella del Santo Rosario - affinchè nella nostra Chiesa Tiburtina tutti scoprano la loro vocazione particolare e sappiano rispondere ogni giorno con generosità al Signore che chiama a seguirlo per una determinata via per vivere nella gioia, nella libertà più vera e piena: quella che si raggiunge soltanto quando ci si dona totalmente al perfettamente libero, a Colui che è amore allo stato puro, a Colui che con il dono dello Spirito ci ha resi suoi figli e sempre ci guida e accompagna.

Ringrazio fin d'ora quanti aderiranno a questa preghiera continua nel "Monastero invisibile" della nostra Diocesi pregando affinché ciascuno scopra o riscopra la propria vocazione battesimale, quella all' amore, al sacerdozio, al diaconato permanente, alla vita consacrata negli Istituti religiosi o vivendo nel secolo, alla famiglia cristiana, alla vita missionaria, al servizio totale al prossimo, alla verginità consacrata a servizio del Vescovo nella Chiesa diocesana... e sappia rispondere ad essa con generosità e dedizione totale.

Chiedo anche che nel nostro "Monastero invisibile" si preghi perché non manchino mai nella nostra Chiesa figure belle di accompagnatori o accompagnatrici spirituali che sappiano aiutare, specialmente i giovani, a fare discernimento sulla loro vita, a comprendere a cosa Dio li chiami e, senza sostituirsi a loro, li aiutino a dire "Eccomi" al Signore che per tutti ha un progetto per giungere alla felicità vera e piena.

Affido queste schede a tutti i fedeli della Diocesi.

In particolare invito ad entrare nel "Monastero invisibile" i malati, gli anziani, i poveri, i semplici, coloro che sanno ottenere da Dio con maggior forza ciò che chiedono… Invito anche le famiglie e - perché no? - anche i giovani e i ragazzi, i preti, i diaconi e le suore… Nessuno si senta escluso o esonerato a pregare quotidianamente per il dono di sante - e se poi numerose sarà ancor meglio ... - vocazioni alla Chiesa di Tivoli!

Mentre dò a tutti il benvenuto o il ben ritrovato nel nostro "Monastero invisibile" vi ringrazio per il vostro servizio ecclesiale e, se posso, vi chiedo di pregare ogni giorno anche per me affinchè riesca a servirvi secondo il cuore di Dio!

Con la benedizione del Signore e tanta gratitudine per il dono della vostra preghiera, a tutti giunga un cordiale saluto

+ Mauro Parmeggiani

Vescovo di Tivoli

FEED CHIESA CATTOLICA

Seguici su Facebook
Seguici su YouTube
Feed RSS

Questo sito utilizza cookies per migliorare le prestazioni di visualizzazione... To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information