Stampa questa pagina
Giovedì, 11 Agosto 2016 14:00

Omelia nella Solennità di San Lorenzo 2016

Tivoli, Basilica Cattedrale di San Lorenzo Martire, Mercoledì 10 agosto 2016

 

Signor Sindaco, illustri autorità, cari sacerdoti, diaconi che questa sera rinnovate le promesse fatte davanti alla Chiesa al momento dell’ordinazione diaconale, fratelli e sorelle nel Signore!

Questa sera rendiamo grazie a Dio per il dono alla Chiesa e al mondo del diacono e martire San Lorenzo, patrono della nostra Cattedrale e della città e diocesi di Tivoli!

Nato in Spagna nel 225, dopo aver conosciuto a Saragozza il futuro Papa Sisto II che fu suo maestro negli studi umanistici e teologici, e dopo la crescita in una amicizia e stima vicendevoli grandissime, quella stima e rispettosa amicizia che nascono quando il maestro è credibile e capace con la testimonianza di educare veramente, ossia tirare fuori il bene che c’è in ogni persona; Lorenzo al seguito di Sisto, seguendo un flusso migratorio che dalla Spagna giunse a Roma, arrivò nell’Urbe e quando nel 257 Sisto fu eletto Vescovo di Roma dal Papa gli fu affidato il servizio di arcidiacono, ossia responsabile della carità verso i poveri, gli scarti, gli ultimi della Città.