Stampa questa pagina
Venerdì, 12 Gennaio 2018 08:11

Il Cammino dei Santi

L’esperienza estiva dei giovani italiani nell’anno del Sinodo Istruzioni per l’uso
L’anno del Sinodo dei giovani (2018) si caratterizzerà per una serie di iniziative articolate: discernimento per gli adulti e gli educatori delle comunità cristiane, ascolto aperto e attento dei giovani in tutte le loro espressioni e – infine – un vero e proprio cammino/pellegrinaggio diffuso nei territori italiani che convergerà a Roma l’11/12 agosto 2018.

Intorno all’esperienza del cammino, antichissima nella sua forma e nuova come proposta condivisa da tutte le diocesi italiane negli stessi giorni, vi offriamo alcune brevi riflessioni molto pratiche affinché il pellegrinaggio possa diventare una effettiva esperienza di Chiesa: capace di mantenere la ricchezza di espressioni diverse che provengono dai nostri territori e nello stesso tempo in grado di sostenere alcune scelte comuni che si chiedono a tutti.

Nella nostra Diocesi

Il Servizio Diocesano di Pastorale Giovanile e Vocazionale ha pensato a un vero e proprio cammino sui passi dei Santi, cioè un percorso da fare nel nostro territorio sui luoghi segnati dalla presenza e dalla testimonianza di Santità.

Sarà un modo per valorizzare il territorio, riscoprirlo e favorire relazioni nuove grazie a questa iniziativa. Ci piacerebbe vivere momenti belli gustando i sapori dei cibi nei luoghi dove andremo e vivere con la gente del posto momenti di festa, culturali; ci piacerebbe ascoltare testimonianze di persone autorevoli che hanno una esperienza da raccontare su più fronti.

L’esperienza si svolgerà nell’arco di alcuni giorni dal 7 al 12 agosto, nei quali sarà possibile offrire una proposta articolata: momenti celebrativi e di preghiera, tempi di cammino fatti di parole e di silenzi, proposte di incontro con testimoni invitati o che si incrociano sulla strada, presenza/incontro con il nostro Vescovo Mauro, soste presso luoghi di servizio o di impegno civile, incontro di realtà significative per il loro valore religioso, storico e artistico, paesaggistico.

L’Itinerario

Subiaco: parrocchia Santa Andrea Apostolo e i Monasteri segnati dalla presenza di San Benedetto da Norcia
Santuario della Mentorella: Segnato dalla presenza del Santo Papa Giovani Paolo II
Pozzaglia Sabina: ha dato i natali a Santa Agostina Pietrantoni
Vallinfreda: Dove è nato il Beato Diego Oddi
Tivoli: Dove festeggeremo il Patrono della nostra Diocesi San Lorenzo Martire
E infine raggiungeremo Roma insieme a tutti i giovani italiani che come noi hanno fatto lo stesso percorso nelle rispettive Diocesi, per incontrare Papa Francesco, ascoltare la sua Parola e celebrare L’eucaristia.

I destinatari

Giovani delle nostre parrocchie, provenienti da associazioni e movimenti e da gruppi animati da religiosi e religiose. Ma anche tutti quei giovani che vorranno fare questa esperienza, senza precludere nessuno e sarà possibile inserirsi nel cammino in qualunque momento.

Chi non partecipa al cammino?

Come sempre, capiterà che molte persone non potranno partecipare al pellegrinaggio a piedi. Offriamo a tutti la possibilità di partecipare all’incontro dei giovani italiani con il Papa il fine settimana (11/12 agosto).
Cercheremo di tenere aperte le iscrizioni il più possibile, ma chiediamo comunque di completarle il prima possibile, per consentire di organizzare il tutto per tempo. Ricordiamo a tutti che le iscrizioni saranno necessarie e obbligatorie.

Un po’ di follia

Dice il libro del Qoelet: “Un po’ di follia può contare più della sapienza e dell’onore” (10,1). L’esperienza che stiamo immaginando non è delle più facili, ce ne rendiamo conto. Non lo è neppure la sfida di un Sinodo dei giovani del quale il pellegrinaggio nazionale vorrebbe essere una sorta di rappresentazione plastica di ciò che la Chiesa è chiamata a vivere in questo tempo: una disponibilità a lasciarsi provocare dalle nuove generazioni, accettando di camminare al loro fianco.