Stampa questa pagina
Lunedì, 06 Agosto 2018 08:19

Ascolta ciò che lo spirito dice

Riguardo poi alla Nota pastorale sull’Iniziazione Cristiana, “Cristiani non si nasce ma si diventa”, che continueremo ad attuare per una sua piena applicazione nella nostra comunità diocesana, essa produrrà i suoi frutti soltanto se saremo capaci di creare una comunità cristiana – sia a livello diocesano che parrocchiale – dove, ascoltandoci, si lavori insieme (presbiteri, diaconi, consacrati e consacrate, fedeli laici) per la trasmissione della fede. Grazie alla Nota si sta creando, in Diocesi, un laicato più maturo, capace di ascoltare il mondo, la realtà dei nostri ragazzi e dei loro genitori e proporre in modo semplice e accessibile il Vangelo di Gesù e l’insegnamento della Chiesa. (“Ascolta o figlio”, Linee pastorali per la Chiesa Tiburtina per l’anno pastorale 2018-2019 sull’arte dell’ascolto)

L’Ufficio Catechistico Diocesano, accogliendo l’invito del Vescovo Mauro, desidera porsi in reale ascolto delle comunità parrocchiali, con un programma di proposte mirato a:

• aiutare l’attuazione della Nota Pastorale secondo lo spirito e lo stile richiamati dalla Nota Pastorale “Cristiani non si nasce, ma si diventa”, con i corsi base e di approfondimento per i catechisti e gli accompagnatori dei genitori;

• accogliere le necessità reali delle diverse comunità con la disponibilità dal mese di gennaio 2019 di tenere incontri secondo tematiche, modalità e tempistiche decise in accordo con i parroci, i catechisti e gli accompagnatori;

• far vivere ai ragazzi e alle loro famiglie esperienze significative di vita diocesana con gli eventi proposti;• preparare gli educatori che guideranno il tempo della mistagogia, con il corso biennale guidato dal Servizio di Pastorale Giovanile;• accogliere e accompagnare gli adulti che chiedono di entrare nella comunità cristiana mediante i Sacramenti dell’Iniziazione Cristiana con il cammino del Catecumenato e i giovani che desiderano completare l’Iniziazione cristiana, con i corsi per i cresimandi adulti;

• offrire la possibilità di approfondire i contenuti della fede con la Scuola di Teologia per Laici “G. Giaquinta”;• proporre tempi di silenzio, di ascolto della Parola con le giornate di spiritualità.